Febbraio è il mese del carnevale.

Febbraio è il mese del carnevale. La Sardegna ha numerose manifestazioni, retaggio di un passato antico, con riti misteriosi e affascinanti. Ne proponiamo alcune tra le più suggestive, consci che molti altri carnevali meriterebbero si essere portati a conoscenza del pubblico.

In concomitanza con il Carnevale ad Oristano si svolge la Sartiglia.

Ulà Tirso (OR)

Rassegna di maschere tradizionali
11 febbraio
La rassegna propone maschere tradizionali dei più famosi carnevali sardi.

Seneghe (OR)

Carnevale Seneghese
dal 20 gennaio al 21 febbraio
Il Carnevale Seneghese ha inizio, come da tradizione, il 20 gennaio. Sono previsti balli in piazza in tutte le domeniche precendenti, il giovedì grasso e poi da domenica 19 a martedì 21 ogni sera. Il giorno di carnevale: Sas Andantzas, dalle 10.30 alle 14.

In dettaglio le date: 20/1, 22/1, 29/1, 2/2, 5/2, 12/2, 16/2, 19/2, 20/2, 21/2.

Oristano

La Sartiglia
19 e 21 febbraio
Ad Oristano si svolge la Sartiglia: una spettacolare gara tra cavalieri (Su Componidori), che galoppando sul campo di gara cercano di infilare con spada o bastone una stella simbolo di prosperità.

Bosa (OR)

Karresegare Osinku
dal 16 gennaio al 25 febbraio

Il Carnevale di Bosa è uno dei più importanti dell’isola. La manifestazione coniuga tradizione e modernità.
Il Carnevale ha inizio il 16 e 17 gennaio con la festa di S. Antonio Abate ed il tradizonale falò, prevede per il 9 febbraio “Su Laldaggiolu”, la tradizionale maschera di Bosa.
Si entra nel vivo la mattina del 16 febbraio, quando è prevista la sfilata per le scuole. Da non perdere il Venerdì 17 la sfilata delle maschere tradizionali sarde. Sabato 18 febbraio, in serata, c’è il Sabato delle Cantine, la parte moderna della festa, con balli e bevute. Domenica 19 e lunedì 20 teatro e concorso a premi per la maschera più bella.
Il clou della manifestazione è il martedì grasso, quando prende il sopravvento la parte tradizionale del carnevale di Bosa. In mattinata le maschere sono tutte in nero (S’Attitidu) e rappresentano la tristezza per il Carnevale che muore; nel pomeriggio le maschere diventano bianche (Gioltzi), e rappresentano la ricerca dell’anima della festa che a mezzanotte viene bruciata.
Nel pomeriggio di sabato 25 la pentolaccia in piazza chiude gli eventi carnaccialeschi.

Santu Lussurgiu (OR)

Sa Carrela ‘E Nanti
dal 19 al 21 febbraio
Sa Carrela è una strada sterrata che attraversa il paese di Santu Lussurgiu. Il carnevale è incentrato sulle sfilate e gare delle pariglie di cavallerizzi che si esibiscono lungo la stada. La domenica di carnevale c’è la corsa delle pariglie, in cui i cavallerizzi si devono distinguere non solo per la velocità, ma anche per l’abilità e l’eleganza nel cavalcare insieme e per la bellezza dei loro costumi e delle bardature dei cavalli. Il lunedì ha luogo la giostra e il giorno di carnevale ha luogo la premiazione.

Fonni (NU)

Carnevale di Fonni
18/19/20/21, 25/26 febbraio
A Fonni sono previste ben 5 sfilate. Si inizia sabato 18 con la sfilata delle maschere tradizionali sarde; quindi nei giorni a seguire sfilata di carri allegorici, sfilata in maschera dei bambini, martedì 21 la sfilata delle maschere tradizionali fonnesi e infine il 25 sfilata in maschera libera.

Il giorno 26 la chiusura del carnevale con pentolaccia  e giochi per bambini. Per terminare in festa le giornate sono organizzate serate danzanti.

Ghilarza (OR)

Carnevale ghilarzese
11/12, 20, 22, 25 febbraio
Tipiche del Carnevale ghilarzese sono le Mascheras a Lentzolu, . Il costume è realizzato con un lenzuolo drappeggiato e poi legato sulla testa da un nastro colorato.

Il carnevale ha inizio sabato 11 con l’esibizione di pariglie a cavallo che si sfidano in una giostra. Il 12 febbraio è previsto il carnevale in maschera ghilarzese. Nelle altre giornate si svolgeranno le sfilate dei carri allegorici.

Ottana (NU)

Carnevale di Ottana
19/20/21 febbraio
Il carnevale di Ottana rievoca, attraverso le maschere, la lotta e la fatica dell’uomo per dominare la natura. La maschera chiamata Sos Merdules è l’uomo che cerca di domare le altre maschere dagli appellativi inequivocabili: Sos Boes (i bovini), Sos Porcos (i maiali), Sos Molentese (gli asini) e Sos Crappolos (i cervi). Lungo le strade e in piazza le maschere mettono in scena comportamenti rituali.

Una figura particolare è Sa Filonzana, un uomo mascherato da vecchia che fila (il filo della vita…).

Mamoiada (NU)

Carnevale di Mamoiada
17 gennaio – 19/20/21 febbraio – 25 febbraio
Il più misterioso dei misteriosi carnevali sardi…
Il periodo di festa ha inizio il 17 gennaio, quando le maschere si esibiscono in riti propriziatori attorno ai fuochi del paese.
Nei sabati successivi la festa si svolge nella sala comunale con balli in maschera.

Da domenica 19 al giorno di Carnevale sfilano le tradizionali maschere dei Mamuthones e Issohadores; balli in piazza.
La festa si chiude il 25 con la pentolaccia e ancora balli!

Altri eventi del mese di febbraio

Serdiana (CA)

Festa della Candelora
2 febbraio
Festa della Vergine “Priorissa Manna“, con processione.

Santu Lussurgiu (OR)

Cantigos in Carrela
1o e 11 febbraio
Manifestazione di canti folkloristici.

San Sperate (CA)

Campidano Film Festival
dal 18 febbraio al 10 marzo
Rassegna internazionale di cinema d’autore, con proiezioni ed incontri con gli autori sul tema “Terra e migrazioni”.

Alghero (SS)

Spazio Brahms
23/24/25 febbraio
Musiche di Brahms ed altri autori. Presso l’Hotel Villa La Tronas e la Cattedrale di Santa Maria.

Annunci